Un’avvincente docu-serie che vi terrà col fiato sospeso, pur conoscendo già il finale. È la rinascita del genere true-crime.

10 motivi per i quali vedere Making a Murderer

  1. Un documentario crime che ripercorre la vicenda processuale di Steven Avery
  2. Una sceneggiatura narrativa che include diversi temi tra cui l’abuso di potere e le falle del sistema giudiziario
  3. Una storia a ritroso che parte dalla scarcerazione di Avery e ripercorre tutta la sua vita
  4. Un capolavoro coinvolgente che testimonia il grande interesse per le crime story
  5. Immagini che suscitano un clima di tensione e che sono state montate dalle registe in 10 anni di ricerche.
  6. Una vicenda che vi terrà col fiato sospeso e che non vi farà più dimenticare questa assurda storia
  7. La serie stessa è parte dell’indagine e viene raccontata come se ancora non si conoscesse il finale
  8. Siamo di fronte alla nascita di un nuovo genere televisivo
  9. Un’emozione dietro l’altra, prima la scarcerazione e poi la nuova accusa di omicidio
  10. Making a Murderer vi farà immedesimare nei panni di tutte quelle persone che sono state incarcerate ingiustamente

LEAVE A REPLY